La Camosciara

Un santuario della natura

Un ambiente vario, boschi secolari, ampi panorami, torrenti e cascate, tratturi e transumanza. L’anfiteatro della Camosciara è la prima area di Riserva Integrale dove nel 1923 è nato il Parco. Nazionale d’Abruzzo.

Ore

09.00 - 15.00

Luogo

Civitella Alfedena (AQ)

Lunghezza

8,5 km

Dislivello

360 mt

Difficoltà

(E) Escursionistico

Gruppo

Max 15 persone

Appuntamento ore 9.00 presso l’Ufficio Turistico di Barrea oppure alle 9.15 al parcheggio della parte alta di Civitella Alfedena. La Riserva Integrale si propone di conservare l’ambiente naturale nella sua totale integrità. Il meraviglioso anfiteatro roccioso della Camosciara è costituito da calcari e dolomie, le stesse rocce delle Dolomiti, che formano così quello stupendo scenario di balzi, cascate e torrenti che attraversano secolari foreste di faggio e di pino nero e dove crescono anche due delle specie floristiche più rare e preziose del Parco, la Pinguicola Vallis Regia e la Scarpetta di Venere. Il sentiero che percorreremo non è impegnativo.

La prima parte ripercorre il vecchio tratturo che collegava Pescasseroli con Candela, nel Tavoliere delle Puglie. Un tempo quest’area era anche coltivata a legumi e cereali oggi invece, con la fine della civiltà contadina, è utilizzata solo per pascolo. Il percorso prosegue con una discesa in un terreno cretoso eroso dalle acque che, rimanendo in superficie, scorrono copiose in autunno e in primavera. Numerosi muretti a secco, testimonianza di quell’epoca contadina, caratterizzano il paesaggio rurale. Scendendo ancora si può ammirare da un lato l’anfiteatro dolomitico della Camosciara e dall’altro il massiccio del Monte Marsicano.

A valle inizia a farsi sentire il fragore delle acque del Torrente Scerto che, all’interno della faggeta, scorre tra salti di roccia e piccole cascate. Un breve tratto comodo ci condurrà fino alle cascate, cuore della Camosciara, lì dove nasce questo torrente. Pranzo al sacco e ritorno per un altro sentiero che attraversa un ambiente vario, boschi misti di faggio, pino nero, cerro, maggiociondolo e nocciolo, piccoli torrenti che scivolando sulla pietra dura dolomitica scorrono a valle, punti panoramici che permettono di spaziare con lo sguardo sulle principali catene montuose del Parco. In breve ritorneremo sul tratturo iniziale per raggiungere le macchine e concludere questa passeggiata nel cuore del Parco.

PREZZO: 15€

(sconti per famiglie e ragazzi sotto i 14 anni)

COSA È INCLUSO

Guida e organizzazione
Assicurazione professionale

COSA È ESCLUSO

Trasporti e trasferimenti
Spese personali

Pranzo al sacco

L’escursione prevede un’ attività fisica non molto impegnativa ed è consigliabile vestirsi a strati per avere la possibilità di alleggerirsi durante il percorso.

  • Zaino da montagna
  • Giacca impermeabile
  • Piumino
  • Pile o felpa
  • T-shirt di ricambio
  • Pantalone da trekking (lungo)
  • Scarponi da trekking
  • Berretto
  • Guanti leggeri
  • Acqua (almeno 1.5 l)
  • Pranzo al sacco

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato sulle iniziative in programma

Il Parco nazionale

Escursioni guidate nel Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, il più antico d'Italia. Cuore selvaggio e scrigno di biodiversità.

Guide Locali

Vieni a scoprire le bellezze di questo territorio con guide professionali locali che ti faranno sentire come a casa.

Richiedi Informazioni

Per qualsiasi tipo di informazioni o prenotazioni delle attività puoi contattarci compilando il form qui sotto.