Il Valico dei Tartari

Raggiungere il Valico del Tartaro non è una semplice escursione ma un vero e proprio viaggio che abbraccia tutti gli ambienti del Parco. Il percorso attraversa strette valli ricoperte da antiche faggete, conche carsiche plasmate dal tempo, altopiani erbosi che ricordano la transumanza, ripidi circhi glaciali dove osano solo i camosci e infine i panorami sulle principali montagne dell’Appennino centrale.

Serre di Confine

Lunghe catene montuose che raggiungono i 2000 mt di quota saranno l’ambiente in cui ci muoveremo in questi tre giorni di cammino. I meravigliosi panorami sono l’espressione di un ecosistema naturale e selvaggio, fascinosamente complesso, racchiuso come in uno scrigno da queste serre.

Sui Sentieri dei Briganti

In cammino sulle tracce dei briganti che in queste zone del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise sono passati alla storia. Ripercorreremo i loro passi tra grotte, valli, boschi e zone selvagge dove scopriremo le loro storie e ammireremo le bellezze naturalistiche di questo territorio.

Settembre, cambiamenti nell’aria

L’esperienza è per tutti coloro che amano la natura e la fotografia. Antiche e sconfinate foreste con i loro abitanti selvatici. Nebbie e nuvole danzano sulle montagne e attorno alle vallate creando atmosfere meravigliose. L’aria fresca e cristallina regala poi albe e tramonti variopinti. Settembre è anche il momento del bramito dei cervi in amore che echeggia fra le montagne come un suono primordiale.